clearChiudi Menu

Categoria:Tavole & Co. Scritto il :16 Dicembre 2016

I più strani record acquatici

Se lo spirito dell’andar per mare è quello di entrare in connessione con l’elemento acqua, l’adrenalina impenna quando la regata entra nel vivo, quando velocità e competizione diventano gli ingredienti principali. Gli scafi sono sempre più performanti, grazie a innovazioni progettuali e sempre nuovi materiali.

Ma non solo si compete per andare più veloci: si gareggia per la maggior distanza percorsa con il kite o con un dinghy, la dimensione dell’onda più alta mai surfata, la massima altezza in volo raggiunta con un kite, il record di velocità per un windsurf. La WSSRC (World Sailing Speed Record Council), fondata dall’International Yacht Racing Union, (oggi International Sailing Federation) nel 1972, è l’organizzazione internazionale di riferimento per i record in mare.

Particolari sono i record registrati sul Guinness World Record: dalla categoria “Maggior numero di persone che surfano su una tavola” (l’ultimo record è 66 persone), alla “Più lunga surfata su fiume in coppia uomo/cane” (1690,5 metri sul fiume Mearim, Arari, nel Maranhão, in Brasile a marzo 2016). Il detentore Ivan Moreira e il suo cane Bono.

Ecco una serie di altri curiosi record velici:
Record di velocità, Traversata transatlantica: anno 2016. Comanche, multiscafo di 100 piedi, di Jim e Kristy-Hinze-Clark conquista il record con 5 giorni, 14 ore, 21 minuti e 25 secondi. In traversata da ovest a est, tra il faro Ambroise, ingresso della baia di New York fino a Lizard Point, il punto più occidentale della Gran Bretagna, per un totale di 2880 miglia. 1 giorno 3 ore in meno del precedente record segnato nel 2003 da Mari Cha IV.

Record velocità, Traversata del Mediterraneo: anno 2016. In 43 ore e 54 minuti da Marsiglia a Cartagine, record per il velista oceanico Vittorio Malingri e il figlio Nico su Feel Good, catamarano sportivo in carbonio, lunghezza 6 metri. Velocità media 10,60 nodi. 10 ore e 58 minuti in meno rispetto al record di riferimento detenuto da Bourgnon-Laguarriere.